FeDerSerd - Convegno Regionale Piemonte e Valle d' Aosta

HCV - REGIONE PIEMONTE - Clinici, Servizi ed Istituzioni a confronto

TORINO - Auditorium GAM
22 Giugno 2018

Accreditamento: Il Convegno accreditato ECM per le seguenti figure professionali del settore: medico (tutte le specializzazioni), psicologo (psicologo, psicoterapeuta), infermiere, farmacista (ospedaliero, territoriale), educatore professionale, assistente sanitario, tecnico della riabilitazione psichiatrica. Crediti ECM: 7
HCV - REGIONE PIEMONTE - Clinici, Servizi ed Istituzioni a confronto

clicca qui

Iscrizione on line

RAZIONALE
Il consumo di sostanze, in particolare se per via iniettiva, costituisce il fattore di rischio più importante per la trasmissione di HCV e di conseguenza la popolazione con problemi di dipendenza rappresenta ancora oggi il serbatoio più importante della malattia.
La disponibilità di nuove terapie, la cui efficacia appare eccezionale rispetto a trattamenti del passato, e l'allargamento dei criteri di accessibilità alla stessa, costituiscono una occasione di cura unica per i pazienti HCV + seguiti presso i servizi per le dipendenze.
Per garantire livelli di efficacia ottimali, ad oggi nella letteratura superiori al 95%,  è però necessario che i pazienti vengano adeguatamente preparati ed accompagnati ad affrontare la cura seguendo un percorso multidisciplinare che tenga conto degli aspetti preventivi, informativi, psicologici, educativi e sociali.
Il ruolo del SerD appare pertanto essenziale, sia nella fase di screening diagnostico, sia nella successiva fase di avvicinamento alla terapia, sia nel garantire una adeguata compliance all'assunzione dei farmaci.
Ancora oggi emergono significative criticità che impediscono un accesso ampio alle terapie: le percentuali di screening ancora subottimali nella popolazione a rischio, la diffusa mancanza di una organizzazione interdisciplinare strutturata per la presa in carico dei  pazienti HCV, i timori per le possibilità di nuove reinfezioni.
Una presa in carico integrata fra ospedale e territorio del paziente dipendente con infezione da HCV rappresenta  una opportunità per un  moderno sistema di organizzazione sanitaria tale da permettere un adeguato ed equo accesso alle cure , ma per permettere il raggiungimento dell'importante obiettivo di sanità pubblica di eliminazione della malattia entro il 2030.
 
OBIETTIVO
Facendo seguito alle nuove indicazioni AIFA del marzo 2017 la giornata di studio  intende fornire ai partecipanti le conoscenze ed approfondimenti necessari per indirizzare correttamente i pazienti verso percorsi di cura non nascondendo le difficoltà .
Un panorama sugli aspetti peculiari dei percorsi di cura che favoriscono una migliore selezione dei pazienti con problemi di dipendenza  alla terapia antivirale con DDAs e di quali possono essere oggi le difficoltà sul piano della pratica cinica quotidiana.
Durante la giornata saranno affrontati i temi peculiari correlati all'infezione da HCV, sia dal punto di vista del clinico che del paziente e verranno approfonditi i percorsi di  “linkage to care” utili ad favorire l'accesso alla terapia nelle categorie di popolazione a rischio.